CRISP in search of a shared land

 

La Ghisallo non è solo ciclostorica……

 

La Ghisallo non è solo ciclostorica ….ma  vuole, anche,  raccontare e condividere emozioni e storie di veri eroi

Ausilia e Sebastiano sono un esempio immenso e non isolato di cosa significa amare la bicicletta , amare se stessi, e amare il mondo.

Per loro la bicicletta significa un’estensione  naturale del proprio essere , il sesto senso  che ti permettere di scoprire i propri limiti nell’assoluta certezza che dove esiste il nulla  , li  inizia il tutto e il tutto è un sorriso,  è un tozzo di pane, è  un sorso d’acqua,  è un giaciglio dove riposarsi, è una lingua straniera di un popolo antico che condivide la solidarietà e dona l’aiuto incondizionatamente senza se e senza ma , è vedere con gli occhi i e il cuore aperti ad accettare nuove esplosive esperienze.

Tutto questo è “CRISP in search of a shared land “, un’esperienza ai limiti attraverso il deserto nevoso dell’Alaska una galoppata in sella alle loro biciclette fat per  1800 chilometri lungo il tracciato dell’Iditarod  da Anchorage sino a Nome, in pieno inverno con temperature vicine ai -40° il tutto in soli 17 giorni(record femminile) senza nessuna assistenza e completamente soli nella natura incontaminata.

Ieri sera 3 Giugno,  al Museo del Ciclismo  del Ghisallo la presenza di questi due eroi e la proiezione del film che racconta la loro impresa ha entusiasmato e emozionato, ci ha resi consapevoli che non esiste solo il quotidiano ma il quotidiano lo creiamo noi con la nostra forza e volontà, con la nostra forza di andare a scoprire il limite nel piacere di respirare il tutto nel vuoto assiderale di una natura ancora selvaggia.

A  Ausilia e Sebastiano, compagni di vita e avventura, abbiamo rivolto un invito a partecipare alla nostra più normale avventura: la ciclostorica Vigorelli Ghisallo del 3 luglio,.

Pur sapendo che non troveranno il vuoto dei -40° ma che sicuramente saranno colmati  lungo il percorso e all’arrivo  dell’affetto di chi li conosce e ammira  per la loro  forte  disarmante normalità e umanità espressa .

FacebookTwitterCondividi

Commenti chiusi